Valle dell'Oetzl.

I missili coreani

4 Dicembre 2017

Tutto è incerto, in Estremo Oriente. Se dovesse capitare qualcosa, sui libri di scuola del 2075 si leggerà, stupiti, che la minaccia di Kim-Jong-Un era evidente ed è stata sottovalutata dai governi occidentali fin quando non è stato troppo tardi per fermarlo. O forse no, è davvero solo tutto un bluff e per di più a solo uso e consumo interno. La storia però insegna che a scherzare col fuoco qualcuno finisce per scottarsi. Soprattutto quando da entrambi i lati di gioca d’azzardo, a un certo momento si oltrepassa, quasi senza accorgersene, il punto di non ritorno: e il patatrac è servito. Potrebbe essere un incidente di frontiera. Tipicamente, un aereo americano in oggettiva e non prevista avaria invade lo spazio aereo nord coreano: la contraerea regisce in modo automatico, l’aereo viene abbattuto, prima che si capisca cosa è successo dalla portaerei più vicina è partita una ritorsione – mirata e proporzionata, s’intende! – e una base missilistica puff! si trasforma una nuvola di fumo e cenere. I coreani si mettono a strillare di essere attaccati, qualche generale perde la testa e racconta al capo che sta per scattare l’invasione, Kim sa che non gli daranno una seconda occasione e lancia i missili. Da quel momento non c’è nulla che possa fermare Trump dalla ritorsione generale.

O magari no, sarà un aereo coreano a violare per sbaglio i confini con la Corea del Sud e verrà abbattuto dal missili aria-terra, alle tre del mattino. Kim dorme, il suo generale di stato maggiore vuol fare bella figura e lancia una salva di missili contro la batteria antiaerea. I missili vanno dove vogliono loro, oppure proprio in quella batteria c’era un contingente di marines: di nuovo Trump ordina una ritorsione (sempre mirata e proporzionata!) e Kim replica con i missili.

A proposito, ecco in teoria dove potrebbero arrivare a colpire (attenzione, quelli operativi sono gli unici che effettivamente, ora, sono da temere).

Nessun commento

Lascia un commento