Get Adobe Flash player

Il primo contatto con gli africani



Introduzione

Il testo che presentiamo è tratto dalla relazione intitolata Degli inizi della scoperta della Guinea scritta dall'esploratore e diplomatico portoghese Diogo Gomes attorno al 1475.
Gomes nacque attorno al 1402. Di lui sappiamo relativamente poco: fu al servizio dell'Infante Dom Enrique, prima nella fase di colonizzazione di Madera e poi in quella di esplorazione della costa africana. A lui i portoghesi attribuirono la scoperta delle isole di Capo Verde tra il 1456 e il 1460, assieme al genovese Antonio da Noli.
Dato che Gomes ha scritto la sua relazione quando era ormai vecchio, tra i 75 e gli 80 anni di età, erano passati ormai molti anni da quando si erano verificati i fatti che descrive: per questo motivo gli errori di data e gli scambi di persona sono abbastanza frequenti.
Tuttavia resta un documento di grande importanza, soprattutto perché redatto direttamente da uno dei protagonisti della scoperta delle coste africane.





Testo originale

Qui Jnfans lune praecepit corrigere nauem nomine Talbin et pro capitaneo fuit prouisorem domus suae nomine Affonso Gonzales Baldaya. Et cum eo misit duos nobiles juuenes cum duo-bus equis qui cum vltra Terram altam peruenirent missi sunt in terram in loco qui nunc dicitur Angla de cauallos. Et equitauerunt vnus quisque por­tando secum victualia pro certis diebus. Et nauis eundo per littora maris illius exspectans illos in loco certo. Qui equites equitauerunt per nouem dies inuenerunt 22 homines sarracenos rubei coloris portantes azagaias et gomias dagas qui praeliauerunt cum istis duobus Equites vero cupientes captuare vnum vt discerent ab ilio vnde essent, vnus ex istis nobilibus vocabatur Ector Homem, alter vero Lopo de Almeda. Et vnus ex sarracenis vulneravit dictum Lopo de Almeda in pede uno quem Ector Homem cum furia occidit. Et illa dia fuit primo sanguis effusus Christianorum in terra Guinee. Et erant ambo aetatis 20 annorum vnus quisque. Et propter obscuritatem noctis dimiserunt proelium. Altera vero die nullus sarracenus apparuit. Qui milites sequentis rastros pedum ipsorum in arena peruenerunt ad littus maris qui nuncupatur Rio de ouro vbi inue­nerunt plura rethia de corticibus lignorum factas quia in loco illo est maxima captura piscium. Qui generosi quaerentes nauem suam vsque ad 12 leucas ipsom inuenerunt quae nauis volens recedere Portugaliam credentes ipsos fore jam mortuos. Qui ibi dimiserunt equos semiuiuos ascenderunt nauem et venerunt Portugaliam ad Dominum Infantem qui gauisus est vltra modum, quod jam cognouisset terram esse habitatam. Mirabatur de retibus quas secum apportabant facta ab hominibus patriae illius. Etiam narrauerunt illi quod cum barca intrauerunt fluuium qui vocatur mine ryo douro, et in medio istius fluminis inuenerunt insulam arenosam, vbi inuenerunt multitudinem luporum marinorum et posuerunt insulae nomen Ylha de Lobos, et de istis lupis marinis quam plures secum detulerunt Portugaliam ad Dominum Infantem, qui valde mirabatur.

Traduzione

Note alla pagina

Autore: Martino Sacchi
Numero battute: 2968
Data di pubblicazione: 4 novembre 2010
Fonti: Diogo Gomes, Degli inizi della scoperta della Guinea,
in Romain Romero, La scoperta dell'Africa occidentale, Marzorati 1970, pag. 111-113
Per citare questa pagina: https://www.ariannascuola.eu/joomla/storia/dinamiche-e-problemi/le-esplorazioni-europee/le-esplorazioni-portoghesi/il-primo-contatto-con-gli-africani.html













Questo sito fa uso di cookies di terze parti (Google e Histats) oltre che di cookies tecnici necessari al funzionamento del sito . Per proseguire la navigazione accettate esplicitamente l'uso dei cookies cliccando su "Avanti". Per avere maggiori informazioni (tra cui l'elenco dei cookies) cliccate su "Informazioni"