Get Adobe Flash player

La battaglia di capo San Vincenzo (14 febbraio 1797)


La battaglia di Capo San Vincenzo, combattuta il 14 febbraio 1797 tra la flotta inglese al comando dell'ammiraglio Jervis e quella spagnola al comando dell'ammiraglio Carrera, pur non essendo molto nota fuori dall'Inghilterra è stata in realtà una delle più importanti della storia di quel periodo.

L'Inghilterra infatti si trovava in guerra contro la Francia da ormai quattro anni: sul continente, l'Armata d'Italia guidata da Napoleone stava sconfiggendo uno dopo l'altro tutti gli eserciti che l'Austria inviava contro di lui, mentre la Spagna con il trattato di San Ildefonso (19 agosto 1796) si era schierata con la Francia e aveva dichiarato guerra a Portogallo e Inghilterra.

La flotta spagnola insieme a quella francese sembravano nelle condizioni di poter sopraffare quella britannica: in tal caso, nulla avrebbe potuto frapporsi allo sbarco delle truppe francesi sull'isola. 

La battaglia

 Battaglia di Capo San Vincenzo

Battaglia di Capo San Vincenzo, di Robert Clevely

Il testo inglese

by G.S. Parsons

During the long night of the 13th of February, we heard many heavy guns to windward, and felt perfectly certain that they proceeded from the Spanish fleet, which could not be very remote. The day dawned in the east, and «Up all hammocks, ahoy!» resounded through the decks of His Majesty's ship Barfleur. Some were sent aloft to barricade the tops, while the remainder were stowed with unusual care as a bulwark round the upper decks. Great haze had prevailed during the night, and it still continued. General signal flying on board the Victory for the fleet to make all sail on the starboard tack, preserving a close order of sailing in two lines, a vice-admiral leading each line, with Sir John in the Victory two points on the weather-bow, our two frigates and La Borine Citoyenne sloop, under a press of sail, to windward. At nine, the latter made the signal for a strange fleet to windward; — then, that they were twenty-seven ships of the line and ten frigates, with a cloud of small craft, and that they were the Spanish fleet, under Don Cordova. These intimations of approaching battle were received by the British squadron with reiterated cheers; and so beautifully close was our order of sailing, that the flying jib-boom of the ship astern projected over the taffrail of her leader. Signal was made for the Culloden to chase to windward, and after a short period, to form the line of battle, without regard to the established order, by which manoeuvre Captain Troubridge led the British line; and one more competent could not have been selected. Here we must admire that wonderful tact, and knowledge of human nature, possessed by Sir John Jervis. Naval etiquette has established the senior captain as better fitted to lead, from his experience, and he is so placed in the estab­lished order of battle; but practice has sometimes proved the fallacy of such a theory; and Sir John, without offending, placed at the head of his line, one of the most perfect seamen, though, as his subsequent end proved, too daring, even to rashness. This ill-fated officer took the Culloden home from Malta, when she had been declared not seaworthy, and tried the same in the Blenheim from India, and has never since been heard of; no doubt he fell a victim to his rash daring. But on the 14th of February, no man could have led the British line better, or better have proved the unrivalled judgment of Sir John Jervis.
«I have a glimpse through the fog of their leeward line» called Signal-Lieutenant Edghill, from the mainyard, «and they loom like Beachy Head in a fog. By my soul, they are thumpers, for I distinctly make out four tier of ports in one of them, bearing an admiral's flag».
«Don Cordova, in the Santissima Trinidad» said the vice-admiral; «and I trust in Providence that we shall reduce this mountain into a mole hill before sunset».
The British had formed one of the most beautiful and dose lines ever beheld. The fog drew up like a curtain, and disclosed the grandest sight I ever witnessed. The Spanish fleet, close on our weather bow, were making the most awkward attempts to form their line of battle, and they looked a complete forest huddled together; their commander-in-chief, covered with signals, and running free on his leeward line, using his utmost endeavours to get them into order; but they seemed confusion worse confounded. I was certainly very young, but felt so elated as to walk on my toes, by way of appearing taller, as I bore oranges to the admiral and captain, selecting some for myself, which I stored in a snug corner in the stern-galley, as a corps de reserve. The breeze was just sufficient to cause all the sails to sleep, and we were close hauled on the starboard tack, with royals set, heading up for the Spanish fleet. Our supporting ship, in the well-formed line, happened to be the Captain, and Captain Dacres hailed to say that he was desired by the vice-admiral to express his pleasure at being supported by Sir Horatio Nelson.
It wanted some time of noon when the Culloden opened her fire on the Spanish van, and our gallant fifteen, so close together, soon imitated her example. The roar was like heavy thunder, and the ship reeled and shook as if she was inclined to fall in pieces. I felt a choking sensation from the smell and smoke of gunpowder, and did serious execution on the oranges. This uproar and blinding appeared to me to have lasted a considerable time; but I judged more from my feelings than my watch, when I heard our active signal-lieutenant report the Culloden's signal to tack and break through the enemy's line, and the fleet to follow in succession. Down went the Culloden's helm, and she dashed through, as reported, for my vision was dazzled, between the nineteenth and twentieth ship of the enemy, closely followed by the Colossus, whose foreyard was shot away in the slings, as she was in stays.
«The Captain has put her helm down», called the signal-luff.
«Only in the wind», said the vice-admiral; «she will box off directly».
The admiral was wrong, and Commodore Sir Horatio Nelson went clean about, and dashed in among the Spanish van, totally unsupported, leaving a break in the British line — conduct totally unprecedented, and only to be justified by the most complete success with which it was crowned. After losing sight for some time of the little Captain among the leviathans of Spain, one of them, by some chance, appeared close under our stern; just as I had applied one of my select store of oranges to my mouth, she opened an ill-directed fire, apparently into the admiral's stern-galley, that I was viewing her from. The first bang caused a cessation of my labours, the second made me drop a remarkably fine Maltese orange, which rolled away and was no more seen, and the third made me close my commanders on the quarter-deck, bearing to each an orange. An opening in the Spanish forest now showed the Captain on board of two Spanish ships, large enough to hoist her in, and to our astonishment and joy, a tattered Union Jack fluttered above their sweeping ensigns. The Commodore had made a bridge of one, to capture the other, and both were prizes to the Captain, Sir Horatio Nelson.
At this time, the fleets being much intermingled, Sir John bore up in the Victory to rake the Salvador del Mundo, who carried a rear-admiral's flag, and had been roughly used by the Excellent, which had passed on to assist the Orion, engaged by the Santissima Trinidad. What a smashing broadside was sent into the unfortunate Spaniard's stern by the Victory! and before she could digest such a dose, we delivered another, which caused the Spanish flag to be quickly lowered, leaving our following friend to take possession of her.
When the British squadron passed through the Spanish fleet, they cut out eight ships of the line, who then tacked, and kept hovering to windward of their distressed friends. The rear division now perceived the imminent peril of their commander-in-chief, who was dismasted and very hard pressed; indeed, it was roundly asserted that he struck his colours, and re-hoisted them on the rear division hearing down to his succour. The Conde Reigle, who led this division, ranging up alongside of His Majesty's ship Britannia, received one of the most destructive broadsides, and hauled her wind in a great hurry, taking no further part in the action.
The time now nearly five p.m., and two first-rates and two second-rates showed the gay Union of England fluttering over the ensign of Spain. Our prizes and disabled ships had fallen to leeward, and as the day was closing, Sir John, who must have been amazed at his own success, made the signal for the fleet to reform the line of battle to leeward, and bore up in the Victory to close them, and formed his line just to windward of his prizes, between them and the Spanish fleet, which still remained in the greatest disorder, their commander-in-chief, in the Santissima, with only her mainmast and mainyard standing. I believe the slaughter on board her so unprecedented, that Don Cordova, on shifting his flag, stated he had left four hundred of his men dead on her decks. The captured ships had suffered much, and certainly took a glutton's share of beating with apathetic composure, their return being very feeble. Had the daring and heroic soul of Nelson been infused into the breast of every British commander on that glorious day, every one of their gorgeous ensigns would have bowed to the Jack of England, and Sir John Jervis would have been created a duke, instead of Earl St. Vincent.
Our fleet, during the night, which was fine, repaired damages and shifted prisoners, both fleets lying to, with a prospect of renewing the fight at daylight. At dawn of day, the Spaniards, exasperated at their unexpected defeat and heavy losses, made a demonstration of fight, by forming the line of battle, and placing their heads towards us, bringing up with them a very light breeze. An affirmative to the question, «Are you ready to renew the action?» flew at the masthead of each of our ships of the line, as the leeward ones, mostly disabled, were towed into the British line of battle. At this moment a violent explosion from our lower-deck, with the hasty flight of the port, part of the side, and a round shot of thirty-two pounds, through the air, caused great excitement; and the cry of fire ensuing, caused some confusion in the Barfleur. This was speedily got under, and our captain made his appearance on the quarter-deck completely drenched, and proceeded to inquire into the late alarming occurrence. The men had slept at quarters, and one of them was soundly sleeping on the breech of a lower-deck gun, that was housed. A waister from the sister-kingdom, rather raw in the service, possessed of an inquiring mind, was at a loss to determine how pulling a string affixed to the lock could cause such a thundering noise; in his philosophical experiment he had placed the lock on full cock, gave a gentle pull with the afore-said string, fired the gun, killed the sleeper, smashed his foot to pieces by the recoil, and stood transfixed with horror and pain at the success of his experiment. The loss of his foot saved his back, and the carpenters soon repaired the damage. Whether the noise of our shot was the cause, or that the better part of valour influenced the Dons, they hauled their wind, which now began to freshen, and increased their distance. By signal from the commander-in-chief, the British fleet hoisted Spanish colours, in compliment to Don something — whose flag had been flying on board the Salvador del Mundo, and who was now dying of wounds received in the action. Whether this refined compliment cheered his moments of agony, I cannot say, but it received its reward by a rich Spanish ship running into the midst of us, being bothered by both fleets appearing with the same colours.
Sir John, satisfied with the honour he had gained, and entertaining a well-founded dread of the Toulon fleet, which he would have found a very rough customer, shaped a course for Lagos Bay, on the coast of Portugal, with the prizes in tow; the Spanish fleet following us, though evidently afraid to come within gunshot.
On the following morning we anchored in battle order across this open bay, and in the evening a gale of wind carne in from the sea, and the fleet was in terrible jeopardy, most of the ships with their sheet anchor down, and some with their spare one. In the Barfleur we were pitching bows under, with three anchors ahead; one mile astern of us extended a reef of rocks, on which the sea broke frightfully, and through which there appeared no opening; half a mile within them lay a populous village of fishermen, and as they expected a God-send by the wreck of the whole fleet, they had gone through the trouble of collecting wood and burning fires through the night. Young as I was, I retain a strong recollection of this dark and dreadful night.
«Ship ahead driving», called the forecastle lieutenant.
«God help us!» I heard the captain piously ejaculate. «Lower-deck there, stand by, to veer on the three cables at the same time -piace the helm hard a starboard» — and the commander-in-chief, in his gallant and noble ship, the Victory, passed our starboard side close, driving fast upon the rocks to leeward, which shook off the heavy sea, throwing its white spray to the clouds. There was an agonised cry of horror, and «O God! save her!» as this beautiful fabric hastened on destruction. We heard her last effort, as her spare anchor flashed in the briny flood, and, thank God, she brought up with four anchors a-head. Never shall I forget the sight, as I caused our stern and top lanterns to be relighted. The roaring of the wind and rain, the bellowing noise of the officers' trumpets, the booming of the numerous guns of distress, the roar of the breakers so near us astern, and the ghastly reflection of the surf and fires ashore - all, all are imprinted on my memory, to the year in which I write.

Traduzione

Durante la lunga notte del 13 febbraio udimmo molti colpi di cannone a sopravvento, ed eravamo certi che venissero dalla flotta spagnola, la quale quindi non poteva essere molto lontana. Il giorno infine spuntò a est e l’ordine «Sveglia! Giù tutti!» risuonò per i ponti della Barfleur. Alcune amache furono spedite a riva per formare una barriera protettiva attorno alle coffe, mentre le altre furono sistemate con cura maggiore del solito negli appositi sostegni tutto attorno ai ponti per creare una specie di muro. Per tutta la notte sull’oceano c’era stata una fitta nebbia, che poi era rimasta anche dopo che il sole era sorto. A bordo della Victory garriva il segnale per tutta la flotta di tenere issate tutte le vele con mure a dritta mantenendo lo schieramento che si adottava in navigazione: le navi divise su due colonne, ciascuna delle quali guidata da un viceammiraglio, con la Victory di sir John due punti sopravvento e le fregate e lo sloop Bonne Citoyenne anch’essi a sopravvento con tutte le vele a riva.
Alle nove la Bonne Citoyenne segnalò la presenza di navi non identificate sopravvento e poi che si trattava di ventisette navi di linea e dieci fregate, con numerose unità minori: era la flotta spagnola al comando di don Cordova. Questo annuncio di battaglia fu accolto sulle navi inglesi da una serie di urrà. Tenevamo l’ordine di navigazione così bene che l’asta di controfiocco di ciascuna nave incombeva sopra il coronamento di poppa della nave che la precedeva nella fila.
La Culloden ricevette l’ordine di mettersi in caccia verso sopravvento e subito dopo fu issato l’ordine generale di formare la linea di battaglia, senza preoccuparsi delle disposizioni precedenti in merito alla sequenza delle navi. In questo modo il capitano Troubridge si trovò a essere il capofila di tutto lo schieramento: e non si sarebbe potuto fare una scelta migliore.
Qui devo spendere una parola per sottolineare il tatto meraviglioso e la profonda conoscenza della natura umana di sir John Jervis. Infatti l’etichetta navale assumeva come cosa scontata che il capitano più anziano fosse il più adatto a guidare la flotta, grazie alla sua esperienza, e perciò nell’ordine di battaglia redatto a tavolino prima dello scontro veniva sempre messo in testa a tutta la linea di fila. L’esperienza però ha dimostrato che talvolta questa teoria si rivela sbagliata e sir John con i suoi ordini riuscì senza offendere nessuno a fare in modo che la flotta fosse guidata in battaglia da uno dei migliori marinai a sua disposizione, sebbene la sua audacia fosse eccessiva e sconfinasse nell’imprudenza, come dimostrò la sua morte.
Questa sfortunato ufficiale infatti riuscì a riportare in patria la Culloden da Malta dopo che la nave era rimasta così danneggiata da essere dichiarata non idonea a tenere il mare. Tentò poi di fare la stessa cosa con la Blenheim, ma partendo dall’India: e non se ne è saputo più nulla. Non c’è dubbio che egli sia caduto vittima della propria audacia temeraria. Ma quel 14 febbraio nessuno avrebbe potuto guidare meglio la linea di fila delle navi inglesi e quindi dimostrare meglio la capacità di giudizio di sir John Jervis.
«Ho potuto dare un rapido sguardo attraverso la nebbia alla loro linea sottovento» chiamò dal pennone di maestra il tenente addetto alle comunicazioni Edghill. «Sembrano il promontorio di Beachy Head nella nebbia! Per la miseria, sono enormi! Su una di quelle navi, che batte l’insegna di un ammiraglio, conto distintamente quattro file di portelloni!»
«È don Cordova, sulla Santissima Trinidad» commentò il viceammiraglio, «e confido nella Provvidenza che prima del tramonto avremo trasformato quella montagna in una bella collina!»
Gli inglesi avevano formato una delle più belle linee di battaglia che si siano mai viste sui mari. La nebbia si alzò come un sipario e apparve lo spettacolo più grandioso di cui io sia mai stato testimone. La flotta spagnola, che ormai ci era vicina di prua ed era ancora sopravvento, stava tentando nel modo più goffo possibile si formare a sua volta la linea di battaglia, e sembrava una foresta di alberi ammonticchiati insieme. Il loro comandante in capo, navigando fuori dalla linea sottovento e letteralmente coperto di bandiere di segnalazione, faceva tutto il possibile per rimettere le sue navi in ordine, ma quelli sembravano ancora più disorientati.
Io ero certamente molto giovane ma mi sentivo così eccitato da sentirmi a un palmo da terra mentre portavo le arance all’ammiraglio e al capitano, scegliendone qualcuna per me e mettendole in un angoletto nascosto della cucina di poppa, come corps de riserve. La brezza bastava appena a tenere tese le vele: avanzavamo di bolina stretta con mure a dritta con i controvelacci spiegati puntando dritti sulla flotta spagnola. Per caso la nave che veniva immediatamente dietro di noi, in quella linea di battaglia così ben schierata, era proprio la Captain, e il capitano Dacres chiamò per dire che il vice ammiraglio voleva esprimere il proprio compiacimento per essere sostenuto proprio da sir Horatio Nelson.
Mancava poco a mezzogiorno quando la Culloden aprì il fuoco sull’avanguardia spagnola e le nostre quindici navi, tutte in fila una dietro l’altra, imitarono subito il suo esempio. Il rombo dei cannoni era come un tuono pesante e la nave sussultò e si scosse come se fosse sul punto di andare in mille pezzi. Mi sentii prendere alla gola per l’odore e il fumo della polvere da sparo e feci una vera strage di arance. Il frastuono e il non vederci più mi sembravano durare un’eternità (ma questo giudizio si basava più su quello che provavo in quel momento piuttosto che sull’orologio), quando sentii il nostro tenente addetto alle segnalazioni riferire che la Culloden segnalava alla flotta di virare di bordo in successione e puntare verso la linea nemica mantenendo lo stesso ordine di battaglia.
La Culloden mise il timone sotto e si gettò contro la linea nemica tra la diciannovesima e la ventesima nave dello schieramento spagnolo (così mi fu riferito, perché io non vedevo ancora niente), seguita da vicino dalla Colossus il cui pennone di trinchetto fu tirato giù da un proiettile perché aveva mancato la virata e si era fermata col vento in prua.
«La Captain ha messo la barra sotto!» chiamò il tenente alle segnalazioni.
«Solo nel vento» disse il nostro ammiraglio «verrà a contatto diretto!»
L’ammiraglio si sbagliava perché il commodoro Nelson fece un lavoretto pulito e si scagliò contro l’avanguardia spagnola, completamente da solo, lasciando oltretutto uno spazio vuoto nella linea di battaglia inglese: un comportamento assolutamente senza precedenti, che può essere giustificato solo dal travolgente successo che ne derivò. Dopo aver perso di vista per un po’ la piccola Captain tra i colossi spagnoli, uno di questi ultimi comparve dal nulla vicino alla nostra poppa. Io avevo appena portato alla bocca un’arancia di quelle che mi ero messo da parte che quelli aprirono il fuoco, mal diretto ma a quanto pareva dritto nella galleria di poppa dell’ammiraglia, da cui io stavo guardando lo spettacolo. Il fragore del primo colpo mi fece smettere di mangiare, il secondo mi fece cadere di mano una bellissima arancia di Malta, che rotolò via per sempre, e il terzo mi fece correre dai miei comandanti sul cassero portando un frutto a ciascuno di loro.
Un varco che si era aperto tra la foresta di alberi spagnoli ci lasciava vedere adesso la Captain affiancata a due navi spagnole, grandi abbastanza da sollevarla, e con nostro stupore e gioia una Union Jack molto malridotta palpitava sopra le loro grandi insegne. Il commodoro Nelson si era servito di una di esse come di un ponte per catturare anche l’altra, e la Captain le aveva prese tutte e due.
In quel momento le due flotte si erano molto mescolate insieme. Sir John si dirigeva con la Victory per prendere d’infilata la Salvador du Mundo che batteva un’insegna di contrammiraglio ed era già stata ben lavorata dalla Excellent prima che questa passasse a prestare assistenza alla Orion, a sua volta ingaggiata dalla Santissima Trinidad. Che terribile bordata fu quella che la Victory scaricò nella poppa della sfortunata nave spagnola! E prima che potessero digerire la dose arrivammo noi a scaricargliene addosso un’altra facendogli ammainare in fretta la bandiera, anche se lasciammo alla nave che ci seguiva l’onore di catturarla.
La flotta inglese, passando attraverso quella spagnola, aveva tagliato fuori otto unità nemiche dal grosso della loro squadra, che virò di bordo e si tenne sopravvento delle loro compagne ridotte a mal partito. La loro retroguardia si era resa conto del gravissimo pericolo che stava correndo il comandante in capo spagnolo, che era disalberato e pressato da tutti i lati. Si diceva anzi che in realtà in un primo tempo avesse ammainato la bandiera, ma che poi l’avesse issata di nuovo quando aveva visto i suoi venire in soccorso. La Conde Reigle, che guidava la divisione iberica, si era messa controbordo alla Britannia ma ricevette una bordata talmente micidiale che dovette allontanarsi precipitosamente senza più prender parte all’azione.
Erano quasi le cinque del pomeriggio e due navi di prima classe spagnole e due di seconda classe avevano ormai la bandiera inglese che sventolava allegramente sopra quella spagnola. Le nostre prede e le navi danneggiate erano scadute sottovento, e poiché il giorno stava finendo sir John, che doveva essere anche lui sbalordito dal successo che aveva ottenuto, fece issare il segnale per la flotta di riformare la linea di battaglia a sottovento; poi si diresse con la Victory verso il nemico e schierò le nostre navi proprio sopravvento alle prede, tra loro e la flotta spagnola. I nemici erano ancora nella massima confusione e il loro comandante sulla Santissima Trinidad era rimasto con solo l’albero maestro in piedi e con solo il pennone di maestra ancora utilizzabile. Io sono convinto che il massacro a bordo di quella nave non abbia precedenti nella storia navale: don Cordova, trasferendo le sue insegne su un’altra unità, dichiarò di lasciare sul ponti della sua ammiraglia quattrocento morti.
Le navi che avevamo catturato erano molto mal ridotte, e avevano certamente preso una bella dose di botte quasi con apatia, dato che la loro reazione era stata molto modesta. Se lo spirito audace ed eroico di Nelson fosse stato nel petto di tutti i comandanti inglesi in quella gloriosa giornata, tutte quelle sontuose insegne spagnole si sarebbero dovute piegare all’Union Jack inglese, e sir John sarebbe stato fatto duca invece che un semplice conte.
Nel corso della notte, che fu buona, la nostra flotta riparò i danni ed effettuò il trasferimento dei prigionieri, dato che le squadre si trovavano ancora a breve distanza l’una dall’altra e c’era la prospettiva di dover riprendere il combattimento allo spuntar del sole.
All’alba gli spagnoli, esasperati dall’inaspettata sconfitta del giorno prima e dalle pesanti perdite subite, fecero una dimostrazione di forza formando una linea di fila e puntando dritti su di noi, portando con sé una leggera brezza.
Alla domanda: «Siete pronti a riprendere il combattimento?», sugli alberi maestri di tutte le nostre navi salì alto il segnale «Affermativo!», mentre le unità che erano sottovento e che erano per la maggior parte danneggiate, furono rimorchiate all’interno della linea di battaglia.
In questo preciso momento si verificò una violenta esplosione sul nostro ponte inferiore: un portellone volò via insieme a un palla da trentadue libbre e a una parte della fiancata, provocando una grande agitazione a bordo; e una confusione ancora maggiore suscitò il grido di «Fuoco a bordo!» che seguì. Per fortuna il principio di incendio fu messo rapidamente sotto controllo e il capitano comparve sul cassero completamente fradicio e cominciò subito a indagare su quest’evento inquietante.
Gli uomini avevano dormito ai posti di combattimento e uno di loro era profondamente addormentato sulla culatta di uno dei cannoni del ponte di batteria inferiore, che era già sistemato. Uno dei marinai comuni, uno scozzese ancora piuttosto inesperto del servizio, possedeva però una mente molto inquisitiva e non aveva ancora capito bene come il tirare una semplice cordicella fissata al meccanismo di sparo potesse provocare un simile rumore di tuono. Tutto preso in questo esperimento filosofico aveva alzato il cane e poi aveva dato una tiratina alla suddetta cordicella. Naturalmente aveva ottenuto come risultato di far sparare il cannone: il rinculo aveva ucciso l’uomo che stava dormendo e schiacciato il piede del marinaio che era rimasto impietrito per l’orrore e il dolore a guardare il successo del suo esperimento. La perdita del piede gli salvò la schiena, e il carpentiere riparò rapidamente il danno. Fosse il rumore del nostro sparo o «la parte migliore del valore6» a influenzare i don vennero all’orza e si allontanarono mentre il vento cominciava a rinforzare. A un segnale del comandante in capo la flotta inglese issò i colori spagnoli per rendere gli onori a don non-so-chi7, che aveva issato la sua bandiera a bordo del Salvador du Mundo e che stava ora morendo per le ferite riportate durante l’azione. Se questi onori confortassero la sua agonia non lo so, ma furono certo ricompensati da una ricca nave spagnola che piombò tra di noi, disorientata dal fatto che entrambe le flotte issavano le stesse bandiere.
Sir John, soddisfatto dei risultati raggiunti e considerando la presenza minacciosa della flotta di Tolone, che avrebbe rappresentato per noi un cliente davvero difficile, tracciò una rotta verso la baia di Lagos sulla costa del Portogallo, tirandosi dietro le prede a rimorchio. La flotta spagnola ci venne dietro, ma evidentemente temeva di avvicinarsi dentro la portata dei nostri cannoni.
Il mattino seguente ci ancorammo in ordine di battaglia in mezzo a questa baia aperta. Verso sera però si alzò un vento fortissimo che soffiava dal largo e metteva la flotta in un gravissimo pericolo, perché la maggior parte delle navi avevano gettato l’ancora di coperta e alcune anche quella di riserva. Sulla Barfleur il beccheggio era tale che la prua andava sott’acqua, con tre ancore a prua. Un miglio dietro di noi si stendeva una scogliera di rocce sulle quali il mare si infrangeva spaventosamente, senza che fosse possibile scorgere un solo passaggio. Mezzo miglio più in là c’era un popoloso villaggio di pescatori, e dato che gli abitanti aspettavano come una manna mandata da Dio il naufragio di un’intera flotta si erano dati da fare per raccogliere legna e tenere accesi i fuochi per tutta la notte. Giovane com’ero, ho un ricordo vivissimo di questa notte buia e terribile.
«Una nave di prua sta scarrocciando verso di noi!» gridò il tenente dal castello.
«Che Dio ci aiuti!» sentii dire il capitano. «Là sotto, sul ponte inferiore, tenetevi pronti a lasciar filare i tre cavi contemporaneamente!» e proprio in quel momento lo stesso ammiraglio in capo, sulla sua nobile e coraggiosa nave, la Victory, ci passò vicino sul lato di dritta, spostandosi rapidamente verso le rocce sottovento, che agitavano il mare lanciando la bianca schiuma fino alle nuvole. Ci fu un grido angosciato di orrore: «Oh Dio, salvala!» mentre questa meraviglia creata dall’uomo si affrettava verso la propria distruzione. Potemmo udire il rumore del suo sforzo finale quando l’ancora di rispetto piombò nell’acqua salata e grazie a Dio si fermò con quattro ancore a prua. Non dimenticherò mai lo spettacolo perché feci riaccendere le nostre lanterne di poppa e quelle sugli alberi. Il ruggito del vento e della pioggia, le urla degli ufficiali nei megafoni, i molti cannoni che sparavano per segnalare il pericolo, il fragore dei frangenti così vicini a noi di poppa e gli spettrali riflessi dei marosi e i fuochi sulla spiaggia: tutto, tutto è rimasto fisso nella mia memoria fino a oggi.

L'autore

Questo sito fa uso di cookies di terze parti (Google e Histats) oltre che di cookies tecnici necessari al funzionamento del sito . Per proseguire la navigazione accettate esplicitamente l'uso dei cookies cliccando su "Avanti". Per avere maggiori informazioni (tra cui l'elenco dei cookies) cliccate su "Informazioni"