Get Adobe Flash player

La banca a Firenze

Quando il mercante fiorentino si apprestava a lasciare la città per andare a rifornirsi di merci o per vendere le proprie fuori dei limiti territoriali, doveva procurarsi delle monete delle città vicine. Lo stesso doveva fare il mercante straniero che arrivava a Firenze. Così nacque il mestiere del cambiavalute, all’inizio modesto, che si svolgeva generalmente nel luogo del mercato principale.

 

A Firenze, nel Mercato Vecchio, si trovavano nel Quattrocento i “banchi de tappeto”. Banchieri si dicevano coloro che prima erano i cambiatori, che poi, col passare del tempo, presero a ricevere depositi, tenere registri su cui i mercanti potevano aprire dei conti e fare giri di partite.

 


Questi banchieri sedevano davanti a un tavolo, coperto da un tappeto, e aspettavano i clienti; sul tavolo vi era la tasca in cui tenevano il denaro necessario per le operazioni d cambio e i libri su cui facevano le registrazioni, “cum tasca e libro”.
Si discuteva e si trattava in mezzo alla folla, con il rumore di sottofondo delle altre persone che compravano e vendevano. Il mestiere del cambiavalute era tanto più necessario data l’estrema varietà delle monete in uso. I cambiavalute erano anche detti “tavolieri”, “banchieri” o “campsores” in latino. Questi ricevevano in deposito monete fiorentine e straniere, pezzi monetizzati, metallo prezioso. Cercavano di far fruttare il denaro che veniva loro affidato o con arbitrati fra valute, o con operazioni all’estero, o fondendo il metallo per battere altra moneta.


All’inizio si trattava solo di un’operazione manuale di cambio fra il cambiavalute e il cliente, resa necessaria dal gran numero di monete in circolazione. In seguito si aggiunsero operazioni che si svolgevano in larga misura fuori Firenze e anche fuori dal sistema monetario italiano, grazie alla lettera di cambio. La speculazione faceva parte integrante del lavoro del cambiavalute, e siccome manipolava migliaia di fiorini all’anno, traeva dalla sua attività importanti guadagni, chiedendo anche alti interessi sui depositi. Nel Quattrocento si affermarono i banchieri, riducendo i cambiavalute ad esercitare il mestiere nella forma originaria del cambio manuale, accompagnato da poche modeste operazioni bancarie a livello locale e regionale.

 

I tipi di banche

Il mondo della banca non era semplice, a Firenze, nell’Italia del Quattrocento. Lo storico R. de Roover ha individuato tre tipi di istituti di credito:


i "banchi di pegno" o "banchi a panello",
i "banchi a minuto" e
i "banchi grossi"

Il primo gruppo non era formato da banche nel senso autentico del termine ma da botteghe di prestito su pegno dirette da usurai, dette “banchi a panello” perché erano riconoscibili da un’insegna rossa appesa alla porta d’ingresso. I prestatori su pegno poterono essere cristiani per molti decenni, ma a partire dal 1437 questa attività fu riservata agli ebrei. Nonostante la scarsa stima di cui godevano, per cui erano esclusi da tutte le Arti, compresa quella del Cambio, i prestatori su pegno erano numerosi.

I "banchi al minuto" erano poco numerosi e poco rilevanti. Fra i loro gerenti troviamo un lontano cugino dei de Medici, che vendeva gioielli a crediti e insieme praticava il commercio e il cambio di monete d’oro e d’argento. Accettava anche depositi con interessi del 9-10%, ma non può essere considerata una vera e propria banca di deposito.


I "banchi grossi", come quello dei Medici, secondo de Roover, combinavano il cambio e il deposito locale, il commercio delle lettere di cambio e le operazioni bancarie a livello internazionale. Nel 1516 il sistema bancario fiorentino crollò e tale crollo trascinò la banca Medici. Bisognerà attendere il 1575 per assistere alla rinascita della banca, non solo fiorentina ma italiana in generale.

 

Questo sito fa uso di cookies di terze parti (Google e Histats) oltre che di cookies tecnici necessari al funzionamento del sito . Per proseguire la navigazione accettate esplicitamente l'uso dei cookies cliccando su "Avanti". Per avere maggiori informazioni (tra cui l'elenco dei cookies) cliccate su "Informazioni"