Get Adobe Flash player

Articoli

La Rivoluzione Industriale in Hard Times

Con Hard Times, romanzo pubblicato nel 1854, Charles Dickens firma uno dei suoi più grandi e celebrati capolavori. Il racconto vuole mostrare senza censure le condizioni in cui versa la società inglese con l’avvento della Rivoluzione Industriale, periodo che inaugura una serie di cambiamenti e trasformazioni nella vita stessa degli uomini. Qui di seguito riporto alcuni dei brani più significativi del libro che sottolineano la forte componente di denuncia con cui l’autore ne presenta le vicende.

Testo originale

BOOK THE FIRST - SOWING

CHAPTER X - STEPHEN BLACKPOOL

[…]

In the hardest working part of Coketown; in the innermost fortifications of that ugly citadel, where Nature was as strongly bricked out as killing airs and gases were bricked in; at the heart of the labyrinth of narrow courts upon courts, and close streets upon streets, which had come into existence piecemeal, every piece in a violent hurry for some one man's purpose, and the whole an unnatural family, shouldering, and trampling, and pressing one another to death; in the last close nook of this great exhausted receiver, where the chimneys, for want of air to make a draught, were built in an immense variety of stunted and crooked shapes, as though every house put out a sign of the kind of people who might be expected to be born in it; among the multitude of Coketown, generically called 'the Hands,' - a race who would have found more favour with some people, if Providence had seen fit to make them only hands, or, like the lower creatures of the seashore, only hands and stomachs - lived a certain Stephen Blackpool, forty years of age.

Stephen looked older, but he had had a hard life. It is said that every life has its roses and thorns; there seemed, however, to have been a misadventure or mistake in Stephen's case, whereby somebody else had become possessed of his roses, and he had become possessed of the same somebody else's thorns in addition to his own. He had known, to use his words, a peck of trouble. He was usually called Old Stephen, in a kind of rough homage to the fact.

A rather stooping man, with a knitted brow, a pondering expression of face, and a hard-looking head sufficiently capacious, on which his iron-grey hair lay long and thin, Old Stephen might have passed for a particularly intelligent man in his condition. Yet he was not. He took no place among those remarkable 'Hands,' who, piecing together their broken intervals of leisure through many years, had mastered difficult sciences, and acquired a knowledge of most unlikely things. He held no station among the Hands who could make speeches and carry on debates. Thousands of his compeers could talk much better than he, at any time. He was a good power-loom weaver, and a man of perfect integrity. What more he was, or what else he had in him, if anything, let him show for himself.

The lights in the great factories, which looked, when they were illuminated, like Fairy palaces - or the travellers by express-train said so - were all extinguished; and the bells had rung for knocking off for the night, and had ceased again; and the Hands, men and women, boy and girl, were clattering home. Old Stephen was standing in the street, with the old sensation upon him which the stoppage of the machinery always produced - the sensation of its having worked and stopped in his own head.

CHAPTER XI - NO WAY OUT

THE Fairy palaces burst into illumination, before pale morning showed the monstrous serpents of smoke trailing themselves over Coketown. A clattering of clogs upon the pavement; a rapid ringing of bells; and all the melancholy mad elephants, polished and oiled up for the day's monotony, were at their heavy exercise again.

Stephen bent over his loom, quiet, watchful, and steady. A special contrast, as every man was in the forest of looms where Stephen worked, to the crashing, smashing, tearing piece of mechanism at which he laboured. Never fear, good people of an anxious turn of mind, that Art will consign Nature to oblivion. Set anywhere, side by side, the work of GOD and the work of man; and the former, even though it be a troop of Hands of very small account, will gain in dignity from the comparison.

So many hundred Hands in this Mill; so many hundred horse Steam Power. It is known, to the force of a single pound weight, what the engine will do; but, not all the calculators of the National Debt can tell me the capacity for good or evil, for love or hatred, for patriotism or discontent, for the decomposition of virtue into vice, or the reverse, at any single moment in the soul of one of these its quiet servants, with the composed faces and the regulated actions. There is no mystery in it; there is an unfathomable mystery in the meanest of them, for ever. - Supposing we were to reverse our arithmetic for material objects, and to govern these awful unknown quantities by other means!

[…]

BOOK THE SECOND - REAPING

CHAPTER I - EFFECTS IN THE BANK

A SUNNY midsummer day. There was such a thing sometimes, even in Coketown.

Seen from a distance in such weather, Coketown lay shrouded in a haze of its own, which appeared impervious to the sun's rays. You only knew the town was there, because you knew there could have been no such sulky blotch upon the prospect without a town. A blur of soot and smoke, now confusedly tending this way, now that way, now aspiring to the vault of Heaven, now murkily creeping along the earth, as the wind rose and fell, or changed its quarter: a dense formless jumble, with sheets of cross light in it, that showed nothing but masses of darkness:- Coketown in the distance was suggestive of itself, though not a brick of it could be seen.

The wonder was, it was there at all. It had been ruined so often, that it was amazing how it had borne so many shocks. Surely there never was such fragile china-ware as that of which the millers of Coketown were made. Handle them never so lightly, and they fell to pieces with such ease that you might suspect them of having been flawed before. They were ruined, when they were required to send labouring children to school; they were ruined when inspectors were appointed to look into their works; […]

The streets were hot and dusty on the summer day, and the sun was so bright that it even shone through the heavy vapour drooping over Coketown, and could not be looked at steadily. Stokers emerged from low underground doorways into factory yards, and sat on steps, and posts, and palings, wiping their swarthy visages, and contemplating coals. The whole town seemed to be frying in oil. There was a stifling smell of hot oil everywhere. The steam-engines shone with it, the dresses of the Hands were soiled with it, the mills throughout their many stories oozed and trickled it.

The atmosphere of those Fairy palaces was like the breath of the simoom: and their inhabitants, wasting with heat, toiled languidly in the desert. But no temperature made the melancholy mad elephants more mad or more sane. Their wearisome heads went up and down at the same rate, in hot weather and cold, wet weather and dry, fair weather and foul. The measured motion of their shadows on the walls, was the substitute Coketown had to show for the shadows of rustling woods; while, for the summer hum of insects, it could offer, all the year round, from the dawn of Monday to the night of Saturday, the whirr of shafts and wheels.

Drowsily they whirred all through this sunny day, making the passenger more sleepy and more hot as he passed the humming walls of the mills. Sun-blinds, and sprinklings of water, a little cooled the main streets and the shops; but the mills, and the courts and alleys, baked at a fierce heat.[…]But the sun itself, however beneficent, generally, was less kind to Coketown than hard frost, and rarely looked intently into any of its closer regions without engendering more death than life. So does the eye of Heaven itself become an evil eye, when incapable or sordid hands are interposed between it and the things it looks upon to bless.

Traduzione

LIBRO PRIMO – LA SEMINA

Capitolo X – Stephen Blackpool

[…]
Nella zona più indaffarata di Coketown, nelle più recondite fortificazioni di quella brutta cittadella, dove, mentre la Natura è stata confinata al suo esterno da pesanti mura, un’aria letale e i suoi gas nocivi vi sono stati inglobati, nel cuore del labirinto di angusti cortili uno in fila all’altro, e strade strette, venute alla luce una dopo l’altra gradualmente, ogni pezzo in più realizzato per il tornaconto di qualcuno, il tutto andato a costituire una famiglia anomala, i cui membri si addossano, si calpestano e si schiacciano a vicenda fino alla morte.Nell’ultimo angolo chiuso di questo grande contenitore esausto, dove i camini sono stati costruiti con un’immensa varietà di forme rachitiche e storte per soddisfare il loro bisogno di aria, come se ogni casa emettesse un simbolo corrispondente al tipo di persone che ci si aspetta che siano nate lì, tra la folla di Coketown, genericamente chiamata le “Mani” – una razza che avrebbe trovato più benevolenza presso alcune persone, se la Provvidenza avesse considerato opportuno crearli solo come mani o, come altre infime creature marine, solamente con mani e stomaci – viveva un certo Stephen Blackpool, quarant’anni d’età.

Stephen sembrava più vecchio, ma aveva avuto una vita dura. Si dice che ogni esistenza abbia le sue rose e le sue spine, tuttavia pareva essersi verificata una sfortuna o un errore nel caso di Stephen, poiché qualcun altro aveva preso possesso delle sue rose, e lui aveva ricevuto le spine di quella stessa persona in aggiunta alle sue. Aveva vissuto, per dirlo con le sue parole, “un mucchio di guai”. Solitamente veniva chiamato Vecchio Stephen, in una sorta di brusco omaggio a questo fatto.  

Un uomo abbastanza incurvato con un sopracciglio unito, un’espressione malinconica, e una testa sufficientemente spaziosa dall’aria seria, su cui i suoi capelli grigi come il ferro si posavano lunghi e sottili. Così il Vecchio Stephen sarebbe potuto passare per un uomo particolarmente intelligente nella sua condizione. Eppure non lo era. Non aveva preso posto tra quelle notevoli “Mani” che, mettendo insieme i loro brevi intervalli liberi dal lavoro, in molti anni, erano diventati esperti di scienze complicate e acquisito conoscenze delle cose più improbabili. Non occupava alcuna posizione tra le “Mani” che sapevano pronunciare discorsi e condurre dibattiti. Migliaia dei suoi compagni sapevano parlare molto meglio di lui, a quel tempo. Stephen era un buon tessitore al telaio meccanico, e un uomo di ottima integrità. Che cosa aveva in lui di più, o se avesse qualcos’altro in sé, toccherebbe a lui mostrarlo.

Le luci delle grandi fabbriche, che quando erano illuminate sembravano palazzi Fatati – o comunque così dicevano i passeggeri dei direttissimi –, erano tutte spente; la sirena aveva suonato per lo smonto della notte e di nuovo si era fermata, mentre le “Mani”, uomini e donne di diversa età stavano correndo rumorosi verso casa. Il Vecchio Stephen stava in piedi in mezzo alla strada, con la solita sensazione che lo spegnimento del macchinario aveva sempre prodotto in lui, la sensazione di aver funzionato e di essersi fermato nella sua stessa mente.
[…]

Capitolo XI – Nessuna via d’uscita

I palazzi Fatati ardevano di luce, prima che il pallido mattino mostrasse i mostruosi serpenti di fumo che si trascinavano sopra Coketown. Un clangore di zoccoli sul marciapiede, il rapido suono della sirena, e i malinconici e matti elefanti, tutti lucidati e ben oliati, pronti per la monotonia del giorno a venire, si ritrovavano nuovamente ai loro lavori pesanti.

Stephen si piegò sul suo telaio, calmo, attento e saldo al suo posto. Un contrasto particolare con il continuo fracassare, sbattere e strappare prodotto dalla parte di meccanismo di cui lui si occupava, come per ogni altro uomo che stava nel mucchio di telai dove Stephen lavorava. Non abbiate mai paura, uomini giusti dalla mentalità timorosa, che l’Arte possa relegare la Natura nell’oblio. Collocate ovunque, fianco a fianco, le opere di DIO e le opere degli uomini e, anche se questi fossero una truppa di “Mani” di scarso valore, le prime guadagneranno in dignità dal paragone.

Così tante centinaia di “Mani” in questa Fabbrica; così tante centinaia di cavalli vapore. È risaputo cosa faccia il motore con la forza del peso di una singola libbra, ma nessun calcolatore del Debito Pubblico saprebbe dirmi la capacità di bene e male, amore e odio, patriottismo e malcontento, disintegrazione della virtù nel vizio, o il contrario, in ogni singolo momento nell’animo di uno di questi  miti servitori, con i visi composti e le azioni misurate. Non c’è niente di misterioso in questo; c’è invece un imperscrutabile mistero nel più miserabile tra loro, per sempre. – Supponiamo di dover capovolgere la nostra aritmetica per gli oggetti materiali, e governare queste terribili quantità sconosciute con altri mezzi!


LIBRO SECONDO – LA MIETITURA

Capitolo I – Conseguenze nella banca

Un giorno sereno in piena estate. Capitava ogni tanto, persino a Coketown.

Vista a distanza in quell’atmosfera, Coketown giaceva avvolta in una foschia delle sue, che appariva impenetrabile ai raggi del sole. Si intuiva che la città era lì solo perché in caso contrario non ci sarebbe potuta essere una simile chiazza scura all’orizzonte, senza una città. Si scorgeva una nebbia di fumo e fuliggine che tendeva confusamente ora da una parte ora dall’altra, prima anelando alla volta del Paradiso, poi strisciando torbida sulla terra, quando il vento si alzava e scemava, oppure cambiava direzione: un denso miscuglio informe, con un velo di luci trasversali ad attraversarlo, che non mostrava altro che una vasta oscurità. Coketown da lontano era suggestiva, anche se non se ne riusciva a vedere neppure un mattone.

Ci si domandava se fosse effettivamente lì. Aveva subito così tanti danni che era straordinario che avesse sopportato così tanti shock. Sicuramente non esisteva una cineseria così fragile come quella di cui erano fatti i lavoratori di Coketown: se non venivano trattati con cura, infatti, cadevano in pezzi con tanta facilità che si poteva sospettare che fossero stati viziati in passato. Cadevano in rovina quando gli si ordinava di mandare i loro figli – lavoratori a scuola; cadevano in rovina quando degli ispettori venivano incaricati di controllare il loro lavoro;
[…]

Le strade erano afose e polverose in quel giorno d’estate, e il sole era così splendente che brillava addirittura attraverso il denso vapore che pendeva inerte sopra Coketown e non poteva essere guardato direttamente. I fuochisti emergevano dalle profonde porte del basso sotterraneo della fabbrica verso i cortili, e sedevano su gradini, pali e recinti, pulendo i loro visi sporchi e contemplando il carbone. Tutta la città pareva friggere nell’olio. Ovunque si sentiva un odore opprimente di olio bollente: i motori a vapore brillavano con lui, i vestiti delle “Mani” ne erano impregnati; le fabbriche per tutto il corso della loro storia ne trasudavano e ne gocciolavano. L’atmosfera di quei palazzi Fatati era come il soffio del simun (il vento caldissimo del Sahara), e i suoi abitanti, consumandosi per il calore, faticavano languidamente nel deserto. Ma nessuna temperatura rendeva i folli e malinconici elefanti più pazzi o più sani di mente: le loro pesanti teste andavano su e giù alla stessa velocità, col caldo o col freddo, all’asciutto o con la pioggia, che il tempo fosse bello o brutto.
Il movimento misurato delle loro ombre sui muri era ciò che Coketown aveva da mostrare per sostituire le ombre delle foreste fruscianti; mentre, al posto del ronzio estivo degli insetti, la città poteva offrire tutto l’anno, dall’alba del lunedì alla notte della domenica, lo sfregolìo di assi e ruote.

Con aria assonnata tutti ronzavano in questa giornata di sole, rendendo i passanti che superavano i mormorii delle mura delle fabbriche ancora più stanchi e accaldati. Le tende parasole e qualche spruzzatina d’acqua rinfrescavano un po’ strade principali e negozi, mentre fabbriche, cortili e vicoli cuocevano sotto il caldo feroce. […] Ma il sole stesso, benché benefico, di solito era meno generoso verso Coketown del freddo pungente, e di rado guardava così intensamente le altre zone limitrofe senza provocare più morte che vita. Ugualmente l’occhio dello stesso Paradiso diventa malvagio, quando mani oscene o incapaci si frappongono tra lui e le cose su cui vigila per spargere la sua benedizione.

Commento

L’atmosfera cupa e squallida che si evince dalla lettura di Hard Times ricostruisce magistralmente l’ambientazione di città come Manchester all’epoca della Rivoluzione Industriale.
Il nome della città in cui si svolge il racconto, Coketown, è scelto con grande cura dall’autore: il termine coke significa infatti «carbone», proprio per indicare quanto in quel luogo tutto sia subordinato all’industrializzazione che così tanto condiziona l’esistenza umana; la materia prima diventa sinonimo di crescita e sviluppo, contrapposti ad una degradazione progressiva dell’animo dell’uomo, spinto sempre di più verso la spersonalizzazione dell’individuo.
In una città dove tutto è stato costruito unicamente per profitto, la vita di uomini, donne e bambini, fino ad allora scandita dalla Natura con l’alternarsi delle stagioni, è regolata dai ritmi artificiali della Fabbrica, e le persone assumono un’importanza secondaria, considerati meramente come operai sottoposti e totalmente dipendenti dai macchinari a cui lavorano. Non a caso Dickens si riferisce alla popolazione di questa immaginaria cittadina industriale come Hands; l’uomo infatti non è altro che uno strumento a servizio del progresso, e pertanto si crede che sia legittimo sfruttarlo il più possibile, anche senza garantirgli alcun diritto fondamentale.
Gli operai della fabbrica sono dei semplici «servitori» che devono essere sempre pronti al loro posto, chiusi all’interno di quelle mura di mattone, a compiere il proprio dovere, giorno dopo giorno, anno dopo anno, come animali da circo costretti dall’addestratore ad esibirsi in cambio di un po’ di cibo, senza possibilità di decidere da soli del proprio futuro. Le «Mani» vivono assoggettate agli stessi macchinari di cui si occupano, quei «malinconici e matti elefanti», che condividono l'infelice destino dei loro manovratori: entrambi, uomo e macchina, creati per svolgere un unico compito, per l'eternità. I giorni trascorrono apatici davanti allo sguardo inerte di questi uomini alienati dalla Fabbrica, come Stephen Blackpool, che anche quando finisce di lavorare avverte nella sua mente i rumori di accensione e spegnimento del telaio che lo tormentano, come se ormai il macchinario facesse parte di lui. Grande rilevanza assume la ripetitività nauseante che caratterizza la quotidianità degli abitanti di Coketown, che lavorano tutti i giorni senza sosta, replicando gli stessi identici movimenti come per inerzia, con una lentezza disarmante di fronte al passaggio delle giornate e delle stagioni, noncuranti di clima e temperatura. Questo quadro contrasta con le aspettative dell’uomo moderno riguardo ai ritmi di una fabbrica-tipo, in quanto ci si aspetterebbe che fossero forsennati e senza un attimo di respiro per gli operai; ciò che l’autore vuole far comprendere al lettore è invece che la calma con la quale l’uomo si accosta al suo lavoro non è sinonimo di svogliatezza, bensì di sottomissione ad una situazione che non può essere governata né modificata in alcun modo, l’arrendevolezza ad un destino di tedio e monotonia.
Nonostante Dickens cerchi di rendere un po’ meno penosa la descrizione delle Fabbriche conferendo loro un qualcosa di magico, chiamandole spesso Fairy palaces, per via della luce che sprigionano dal loro interno in netto contrasto con il grigiore del panorama industriale, la realtà si presenta in tutta la sua crudezza: operai distrutti da ignoranza e pregiudizio dei propri contemporanei, annullati nel lavoro e senza via d’uscita.
In tutta questa negatività e rassegnazione, inequivocabilmente incarnata dallo stesso titolo del romanzo, vi è però una nota positiva, un riscatto che riesce ad emergere dagli animi meno corrotti da questo mondo meccanico e irrispettoso dell’individualità: Dickens esprime la convinzione secondo cui le azioni dell’uomo siano da collocare in primo piano rispetto a quelle di Dio (vd. Capitolo XI); Dio infatti  può tutto e non ci si stupisce del suo operato, poiché non vi è limite al Suo potere, mentre gli uomini fanno molto per quel poco che le loro infime capacità gli permettono. Perciò, secondo questa equazione, le opere delle Hands della Fabbrica, anche se costituite da uomini di scarso valore costantemente denigrati, varranno molto di più e saranno sempre più straordinarie di qualsiasi altra compiuta dall’Onnipotente.
Con il coraggio e la determinazione, anche in un panorama così torbido e oscuro, si può riuscire a raggiungere la felicità in questa vita terrena (come faranno i personaggi femminili del romanzo Sissy Jupe e Louisa Gradgrind), seguendo il principio che la Natura, anche se schiacciata violentemente dall’artificialità di un mondo nuovo che stabilisce dei canoni diversi per la vita dell’uomo, non verrà mai confinata nell’oblio dall’Arte, ma ritornerà sempre all’essere umano per arricchire la sua esistenza, talvolta povera di significato e completamente annullata nel lavoro.

Hard Times

Prima pubblicazione di "Hard Times" sulla rivista Household Words, 3 aprile 1854.

200px-Hardtimes serial cover


Autore Charles Dickens
Pubblicazione "Hard Times - For These Times", Bradbury and Evans, London, 1854.
Chapter X - Stephen Blackpool Pagg. 65 - 66.
Chapter XI - No Way Out Pag. 71.
Chapter I - Effects in the Bank Pagg. 114 - 115.

Questo sito fa uso di cookies di terze parti (Google e Histats) oltre che di cookies tecnici necessari al funzionamento del sito . Per proseguire la navigazione accettate esplicitamente l'uso dei cookies cliccando su "Avanti". Per avere maggiori informazioni (tra cui l'elenco dei cookies) cliccate su "Informazioni"