Get Adobe Flash player

Il maglio Averoldi

Il cosiddetto "Maglio Averoldi" è uno dei più antichi magli ad acqua ancora esistenti e funzionanti. Si trova in località "Grotta" nel comune di Ome, in provincia di Brescia.

Testo

Il maglio fa parte di un complesso di fabbricati di rilevante valore storico e ancora integri: un fabbricato a due piani fuori terra che ospita la fucina vera  e propria per la lavorazione del ferro, con antistante porticato ad uso comune,  alcuni locali utilizzati con funzioni di deposito e gli impianti per il movimento delle merci e l'apporto dell'acqua.

Secondo alcuni documenti, sarebbe testimoniata in questa zona la presenza di un maglio già a partire dal 1080.

panorama_maglio_averoldi

Vista dell'esterno del Maglio Averoldi (Ome, Brescia).
La porta d'ingresso al maglio è quella di sinistra. Si noti il dislivello del
terreno: da destra arriva il corso d'acqua che alimenta la ruota.


La superficie coperta è di m2160; la fucina, a pianta quasi rettangolare, è disposta lungo curve altimetriche e segue l'andamento della strada d'accesso, che ne fiancheggia il lato ovest, ed il corso della roggia "Molinaria", che fornisce l'acqua necessaria al funzionamento della ruota.

L'ingresso è posto ad un livello inferiore rispeto alla strada ed è in pendio per favorire l'arrivo e la partenza di materiali e di manufatti.

Gallery fotografica

maglio averoldi interno Due operai al lavoro all'interno del Maglio Averoldi

Il pesante maglio

Il pesante maglio in azione

La ruota ad acqua

La ruota ad acqua pronta a partire.

Il canale

La parte del canale sovrastante il maglio che alimenta la ruota
Il canale L'antichissimo canale che alimenta la ruota del maglio
schema Qui vediamo un disegno schematico, tratto da Paolo Rosa Fuazza, Il lavoro nelle coltellerie di Maniago, che illustra il funzionamento di un maglio. La ruota con le camme (a sinistra) è mossa dalla ruota ad acqua (non visibile nel disegno); girando in senso orari i denti imegnano la coda del maglio e la abbassano, sollevando per qualche istante la testa (a destra). Nell'attimo in cui il denste si disimpeegna dalla trave, la testa del maglio piomba sulla incudine per forza di gravità.

L'ambiente di lavoro ha una superficie di circa mq 78 e un'altezza di metri 4 e ospita tutte le attività.

Video

Nel video si assiste al momento in cui viene aperta la serranda e l'acqua precipita dal canale (che si trova a un livello superiore) sulla ruota, mettendo in moto il maglio. La rotazione della pala si trasmette all'asse, su cui sono montate delle "camme", ossia delle tacche che vanno ritmicamente a "impeegnare" la coda del maglio vero e proprio, cioè si incastrano sulla parte posteriore della trave che costituisce il corpo del maglio e la trascinano verso il basso. Il maglio funziona come una specie di immensa altalena, e quindi quando una estremità si abbassa l'altra (che contiene il maglio vero e proprio, il "martello" che picchia sui pezzi di metallo da lavorare) si alza. Quando la camma si disimpegna, liberando la coda, il peso del maglio lo fa ricedere con violenza sul pezzo di metallo incandescente da lavorare.

Posizione

Il segnaposto indica il punto da è stata scattata la fotografia d'insieme dell'esterno degli edifici. Il maglio è ospitato nell'edificio più in basso (quello in alto ospita un piccolo museo).

La linea scura orizzontale che parte dal maglio è la roggia che lo alimenta

Questo sito fa uso di cookies di terze parti (Google e Histats) oltre che di cookies tecnici necessari al funzionamento del sito . Per proseguire la navigazione accettate esplicitamente l'uso dei cookies cliccando su "Avanti". Per avere maggiori informazioni (tra cui l'elenco dei cookies) cliccate su "Informazioni"