Valle dell'Oetzl.
La circolare del ministro Valditara sui cellulari: che fatica, ricominciare ogni volta a parlare di queste cose…
Contemporaneità , Scuola / 21 Dicembre 2022

Il 20 dicembre 2022 il ministro della Istruzione e del Merito (mi vien da ridere solo a scrivere questo nome) on. Valditara ha emanato una circolare (la potete leggere qui) sull’uso improprio dei cellulari a scuola, circolare che ha subito conquistato, se non proprio le prime pagine dei giornali, almeno un suo piccolo spazio nella sezione “Cultura”. Il tema è caldo, perché intercetta tutta un serie di dinamiche di lunga durata che attraversano e mettono in tensione la società italiana (e non solo): uso della tecnologia, ruolo della scuola, senso dell’esser giovani (o bambini), ruolo della famiglia, sensi di colpa degli adulti nei confronti dei figli, paura del cambiamento, crescita dei partiti di destra…  Non fa specie, pertanto, che in tanti si siano messi ad esultare al solo leggere i titoli, che discendono un po’ tutti da quello dell’Ansa: “Circolare del ministro, stop ai cellulari in classe“. Come spesso accade, però, giornalisti e commentatori si sono “gettati sul titolo”, come si dice, senza nemmeno leggerla, questa benedetta circolare. Cosa dice il documento? Prima di tutto, è sola una ripresa della analoga circolare del 2007: ripresa in senso letterale, perché il ministro (o chi per lui) non fa altro che il…

“Sereni davanti al boia”
Filosofia , Pensieri quotidiani / 20 Dicembre 2022

Il titolo di questo post è il titolo di un articolo che sto leggendo proprio in questo momento e che è dedicato alle ultime lettere dei condannati a morte. Non voglio discutere le loro parole: piuttosto, vorrei riflettere sul fatto che nessun computer potrebbe scriverle. Il programma che ha appena spostato in alto, e di parecchio, la fruibilità della “intelligenza artificiale” a livello popolare, ChatGPT non potrebbe scrivere un testo del genere. O meglio, potrebbe mettere in file le parole, la “hyle” del discorso, ma non potrebbe ricrearne la “morfè”, ossia la loro unità di senso. L’aspetto performativo del discorso è del tutto assente da un programma, per l’ovvia ragione che dietro le parole messe in fila da una macchina non c’è nessuna vera “decisione” e quindi nessuna vera “presa di posizione” nell’essere. Cosa che invece dovevano fare per forza i condannati a morte: sotto tortura le parole chiave, “si” o “no”, diventano trigger di fatti e mutamenti di stati dell’essere. Il computer invece può far apparire sullo schermo delle lettere, ma non può modificare nulla nello stato dell’essere. Potrebbe essere quindi che la comparsa di questi programmi in grado di simulare alcuni aspetti del discorso umano abbiano come risultato…

Qualcosa sta cambiando, e sta cambiando ora
Contemporaneità , Filosofia , Riflessioni , Scuola / 17 Dicembre 2022

Penso che negli anni a venire ci additeremo l’un l’altro il novembre del 2022 come il momento in cui è successo qualcosa, qualcosa di importante. OpenAI, una società creata nel lontano 1999, ha rilasciato ChatGPT, un esempio molto evoluto di chatbot in grado di simulare la risposta di un umano. Sicuramente non è il primo esempio di software di questo genere ma questo dovrebbe essere il primo messo a disposizione del grande pubblico gratuitamente.  Adesso è possibile “scrivere” testi anche abbastanza complessi semplicemente indicando un tema generico attraverso il “prompt”, la riga di comando che prende il nome dalle vecchie stringhe di testo che si usavano per comandare i primi computer. Se volete provare, andate qui.  I risultati sono notevoli (vedi per esempio questo articolo del Guardian). Sicuramente molti colleghi docenti si stracceranno le vesti e indicheranno questo software come “IL” male, perché è evidente che uno studente non particolarmente brillante potrà ricorrere ad esso (o a macchine simili) per produrre testi “senza fare fatica” e quindi barando. Di conseguenza c’è da aspettarsi una recrudescenza delle polemiche sull’uso delle ICT nella scuola, e una ondata di richieste di bannarle una volta per tutte dalle aule.  Indubbiamente il rischio c’è, anche…

La crisi del governo Draghi
Contemporaneità , Politica , Storia / 14 Luglio 2022

È davvero incredibile che i 5Stelle solo per vedere chi fa ancora veramente parte del loro movimento abbiano spinto le cose fino a questo punto. Senza Draghi, addio soldi dell’Europa, questo è certo. Senza soldi dell’Europa, addio tutte le cose che vogliono i 5Stelle. Sono già precipitati nei risultati elettorali, se insisteranno (come a questo punto devono fare) col limite del doppio mandato devono rinnovare tutta la loro classe politica: cinque anni fa è stato facile tirare su tanta gente dalla “società”, ma adesso? Chi avrà voglia di mettersi con loro? I migliori disponibili saranno già andati col mandato precedente: chi verrà adesso? Come si potrà evitare che si presentino persone con due facce e disoneste, oppure semplicemente ancora più radicali di questi? E se sono più radicali, i voti di chi prenderanno? Come potranno convincere la gente che “adesso” faranno quello che non sono riusciti a fare in cinque anni?

Intervista a Radioitineraria del 20 giugno 2022
Contemporaneità , Riflessioni , Scuola / 21 Giugno 2022

Questo il link per  accedere direttamente al podcast dell’intervista   https://spreaker.page.link/?link=https%3A%2F%2Fwww.spreaker.com%2Fepisode%2F50262937%3Futm_medium%3Dapp%26utm_source%3Dwidget%26utm_campaign%3Depisode-title&apn=com.spreaker.android&ibi=com.spreaker.Spreaker&ius=spreaker&isi=388449677 L’immagine che illustra questo post è stata generata da MidJourney.

Le scuole e il PNRR
Contemporaneità / 31 Maggio 2022

https://www.openpolis.it/la-costruzione-di-nuove-scuole-attraverso-i-fondi-del-pnrr/?utm_source=Newsletter&utm_medium=email&utm_campaign=pnrr

Vie della Martesana divise per generi
Contemporaneità , Riflessioni , Scuola / 14 Maggio 2022

      Comune Vie intitolate a uomini  Numero di vie intitolate a uomini Vie intitolate a donne  Numero di vie intitolate a donne Basiano • Via San Basilio • Via Dante Alighieri • Piazza San Gregorio • Via Antonio Vivaldi • Via Giuseppe Verdi • Via dei Campi • Via Alcide de Gasperi • Via Giacomo Puccini • Via Enrico Fermi • Via Antonio Gramsci • Via Giacomo Leopardi • Via Giuseppe Garibaldi • Via Guglielmo Marconi • Via Giotto • Via Raffaello • Via Galileo Galilei • Via Andrea Mantegna • Via Giambattista Tiepolo • Vicolo Alessandro Volta • Via Michelangelo Buonarroti • Via Luigi Pirandello • Via Gaetano Donizetti • Via Caravaggio • Via Leonardo da Vinci • Via Virgilio • Via Giovanni Segantini • Via Fattori • Via Giovanni Pascoli • Via Vittorio Alfieri • Via Alessandro Manzoni • Via Giosuè Carducci • Via Ugo Foscolo • Via Carlo Porta  33   0 Bellinzago Lombardo Via Alessandro Volta Via don Ambrogio Cesana Via Enrico Fermi Via Federico Confalonieri Via Galileo Galilei Via Giulio Malenza Via Guglielmo Marconi Via Luigi Mapelli Via Papa Giovanni Ventitreesimo Via San Giorgio Via San Michele Via San Sebastiano  12 Via Madre…

Situazione il 10 marzo
Ucraina guerra / 14 Marzo 2022

The likelihood is increasing that #Ukrainian forces could fight to a standstill the #Russian ground forces attempting to encircle and take #Kyiv. Read the latest report from @TheStudyofWar and @criticalthreats https://t.co/wD6Mq7Lhj3 pic.twitter.com/bfBpmtBszg — ISW (@TheStudyofWar) March 10, 2022

Carro armato russo in azione
Ucraina guerra / 14 Marzo 2022

Classic! Tank battle in urban terrain. The tank crew is having a field day inside the turret! #Tanks #UkraineWar #RussiaUkraineWar #UkraineUnderAttack https://t.co/ZiNjPE2tfq — TANKMAN (@TANKMANN2) March 14, 2022